Medico Chirurgo Psicoterapeuta
Pediatra Neonatologo Medico Estetico

foto ernesta

Botox structureLa tossina botulinica è una proteina neurotossica prodotta da un batterio, il Clostridium botulinum batterio Gram positivo anaerobio, che produce sette diversi sierotipi di tossina, denominati con le lettere dell’alfabeto che vanno dalla A alla G. Il sierotipo A viene utilizzato in medicina per curare alcune disfunzioni legate ad delle iperfunzionalità muscolari che creano disagio. Quali ad esempio lo strabismo, il blefarospasmo, lo spasmo emifacciale,l’iperidrosi.
In medicina estetica viene utilizzata prevalentemente per appianare le rughe dinamiche facciali causate da una eccessiva contrazione di determinati fasci muscolari. Per ridurre il sorriso gengivale. L’intervento medico dura circa venti minuti. Non suscita dolore se non un piccolo fastidio al momento dell’infiltrazione. La sua azione è massima dopo circa due settimane dall’inoculazione e va a concludersi nell’arco di tre/sei mesi.
Il suo uso in questo settore suscita due correnti di pensiero tra coloro che si sottopongono a trattamenti di medicina estetica.. Una corrente che sostiene, a ragione, i suoi effetti estetici e funzionali senza alcune controindicazioni se non quelle legate a precise patologie di cui sono portatori alcuni soggetti. Tipo a esempio, patologie muscolari, come il deficit dell’impulso della neurotrasmissione a livello della placca motoria. O ad allergie all’albumina dell’uovo. In gravidanza e durante l’allattamento. Ecco perché è necessario prima effettuare una accurata visita medica e una anamnesi dettagliata.
L’utilizzo corretto del farmaco cambia proprio l’espressione del viso conferendogli un aspetto disteso e riposato, con assenza o quasi di quelle rughe che si formano quando si contraggono con forza alcuni muscoli del volto.
L’altra corrente sul suo uso è quella che la denigra, la tossina botulinica, appena la sente nominare! A prescindere. Per una sorta di terrore evocato da scenari terribili. Per paure ancestrali al solo sentire tossina o perché ha visto, subito, o sentito dire di paralisi facciali, in particolare palpebrali, dopo il suo uso. Un uso scorretto che ha portato a una paralisi di muscoli inoculati per errore. Il muscolo bersaglio avrebbe dovuto essere un altro nei pressi ma, per una non corretta conoscenza dell’anatomia del volto e della conseguente giusta localizzazione del muscolo da bloccare, la tossina viene inoculata su muscoli che non si devono intercettare, quindi messa in punti sbagliati ( effetti comunque transitori ma non per questo meno temibili o invalidanti per un certo numero di mesi).
È necessario spiegare che la tossina botulinica di tipo A, quella usata in medicina estetica, se saputa usare correttamente è un farmaco assolutamente sicuro ed efficace. Ed è quando viene somministrata da personale medico inesperto che può creare danni.
È necessario conoscere alla perfezione e a memoria tutti i muscoli del viso e il loro funzionamento, cosa regolano, in modo da potere intervenire in maniera mirata per inoculare la proteina nel punto giusto, che non è uguale per tutti. Ci sono le variazioni individuali.
Non c’è una topografia precisa e stabilita dove con un nastro millimetrato si possa disegnare una mappa. Ovviamente ogni muscolo si trova in un determinato distretto facciale, ma solo identificandolo facendo fare determinate al paziente determinate espressioni, si potrà poi somministrare il farmaco precisamente nel punto corretto rispettando le zone di sicurezza.
E così si potranno spianare le rughe orizzontali della fronte bloccando il muscolo frontale, le rughe glabellari, quelle tra gli occhi ( bloccando il muscolo procero posto tra le sopracciglia), quelle create dalla contrazione dei muscoli corrugatori delle sopracciglia, quelle degli orbicolari dell’occhio ( le cosiddette zampe di gallina), quelle sul naso, le Bunny Lines, eliminare quel sorriso esagerato che lascia scoperte le gengive, il Gummy Smile ( bloccando l’elevatore del labbro superiore e dell’ala del naso), tirare su gli angoli della bocca che vanno giù col passare degli anni ( bloccando il depressore del labbro). Ridurre quelle antiestetiche rughe del “codice a barre” sul labbro superiore, sul muscolo che avvolge il collo, il platisma, eliminando così quelle “corde” che caratterizzano il collo degli anziani. ( in questi casi stando attenti a non compromettere la funzione dei muscoli della suzione ( orbicolare della bocca ), della masticazione e creare disturbi e del linguaggio.
E’ ovvio che bisogna avere grande conoscenza dell’anatomia del volto per infiltrare i muscoli bersaglio e non quelli contigui, e dell’uso corretto della tossina utilizzando tecniche iniettive corrette anche nella direzione dell’ago, e le giuste posologie che sono differenti a seconda del muscolo da bloccare.
Il 14 aprile prossimo ho organizzato con la MEA ACADEMY un corso prevalentemente pratico sull’uso della tossina botulinica in questione. E sulla fotografia da effettuare in studio medico come documentazione clinica. Sarò il Direttore scientifico dell’evento e il relatore sul tema dell’uso della Tossina botulinica sarà il medici chirurgo Giuseppe Ferrarelli. Sulla parte fotografica il relatore sarà Silvio Mencarell, fotografo professionista e giornalista. Corso destinato a medici e odontoiatri che abbiano già delle nozioni di base. Saranno trattati argomenti centrati sull’uso della tossina con gli ultimi aggiornamenti e poi il via alla parte pratica che sarà la parte predominante del corso.
Ecco in dettaglio il programma diffuso online da oltre un mese. Cliccandoci sopra si aprirà e sarà scaricabile il modulo di iscrizione con tutte le spiegazioni. Sono contemplati degli sconti se le iscrizioni avverranno entro determinate date specificate sul modulo di iscrizione sempre qui pubblicato.